:: news letter .. gennaio - febbraio 2009

EVENTI DIVULGATIVI

 3 gennaio - conferenza di Natale organizzata dall'Osservatorio presso l'Ostello di Lignan: "Natale nello spazio. 40 anni della missione Apollo 8"

Relatore: dott. Andrea Bernagozzi, ricercatore scientifico dell'OAVdA con borsa di ricerca FSE

 4 gennaio - conferenza di Natale organizzata dall'Osservatorio presso l'Ostello di Lignan: "Stelle e montagne. Il cielo e le sue Alte vie"

Relatore: dott. Sergio Giovannoni, collaboratore dell'OAVdA, vincitore del Premio Marcello Meroni 2008

 31 gennaio - primo sabato del mese organizzato dall'Osservatorio: "Comincia l'Anno Internazionale dell'Astronomia... anche in Vallée".

Clicca qui per scaricare la locandina

 21 febbraio - secondo sabato del mese organizzato dall'Osservatorio: "La cometa Lulin in cielo: chi cerca trova".

Clicca qui per scaricare la locandina (pdf 348 KB)

 

 

E' COMINCIATO L'ANNO INTERNAZIONALE DELL'ASTRONOMIA 2009

 26 febbraio - evento speciale

Ore 21, conferenza organizzata dall'Osservatorio presso la Biblioteca Regionale.

Titolo: "KEPLERO, il vino e la neve. Una nuova astronomia tra fiocchi di neve e botti di rovere"

Relatrice : dott.ssa Anna Maria Lombardi, storica della fisica, autrice del libro Keplero. Una biografia scientifica.

Clicca qui per scaricare la locandina (pdf 327 KB)

 

 

L'ASTEROIDE 2009 DD45 HA SFIORATO LA TERRA

Il 2 marzo 2009 alle 13:44 ora di Greenwich, un piccolo asteroide di tipo NEA (Near Earth Asteroid) è passato a sole 0,00047 unità astronomiche (70.310 km) dal centro della Terra. Questa distanza è solo due volte maggiore del raggio orbitale dei satelliti geostazionari usati per le comunicazioni.

L'asteroide, scoperto da Robert McNaught del Siding Spring Observatory (Australia), ha ricevuto la designazione provvisoria 2009 DD45 dal
Minor Planet Center. Le dimensioni stimate vanno dai 30 ai 40 metri di diametro. Si tratta di un oggetto simile a quello responsabile della
catastrofe di Tunguska, avvenuta il 30 giugno 1908 nel cielo della taiga siberiana, che sviluppò un'energia di circa 12,5 MTon.

Nel punto di maggior vicinanza alla Terra l'asteroide era ben visibile con piccoli telescopi solo osservando dall'oceano Pacifico, Tahiti, Australia e Giappone. Date le piccole dimensioni, nelle ore successive l'asteroide è diventato talmente poco luminoso da non essere più osservabile nemmeno con grossi strumenti.

Già il 7 ottobre 2008, un piccolo asteroide di circa 5 metri di diametro, 2008 TC3, è caduto sulla Terra disintegrandosi, senza fare danni, nei cieli del Sudan. Mediamente, ogni mese la Terra viene
sfiorata da 5-10 NEA conosciuti.

Al momento, gli asteroidi NEA conosciuti sono più di 6000 ma, in media, ne vengono scoperti una decina di nuovi ogni mese. Anche l'OAVdA partecipa alla campagna osservativa permanente, coordinata
dal Minor Planet Center e incoraggiata dalla NASA, per la conferma dei nuovi NEA. L'orbita di parecchi asteroidi NEA è stata determinata anche grazie alle osservazioni compiute dalla Valle d'Aosta.

Clicca qui per vedere le pubblicazioni dell'OAVdA sugli asteroidi

 

data pubblicazione newsletter 11/3/2009

italiano français english :: home :: mail . info@oavda.it