:: news letter .. gennaio-febbraio 2013

EVENTI DIVULGATIVI

Venerdì 15 febbraio 2013 - Giroparchi

Con l'iniziativa “Giroparchi: spegniamo le luci, accendiamo le stelle”, i territori del Parco Nazionale Gran Paradiso e del Parco Naturale Mont Avic hanno aderito per il secondo anno consecutivo alla popolare campagna radiofonica “M'illumino di meno” lanciata da Caterpillar, Radio2, e nata per promuovere il risparmio energetico.

   La Fondation Grand Paradis ha proposto un incontro sul risparmio energetico, sulla mobilità sostenibile e sull'abitare ecologico in occasione di M'illumino di meno 2013 e un'osservazione della volta celeste guidata dagli astrofisici dell'Osservatorio Astronomico della Regione Autonoma Valle d'Aosta Paolo Pellissier e Paolo Calcidese.
    Approfittando del ridotto inquinamento luminoso, reso possibile dallo spegnimento dell'illuminazione
pubblica nel Villaggio Minatori, l'osservazione è stata arricchita del passaggio dell'asteroide 2012 DA14, evento astronomico di grande rilievo avvenuto intorno alle ore 20.25.
    La serata, che si è aperta alle 18.30 presso il Villaggio Minatori di Cogne, ha riscosso un grande successo di pubblico. Nel corso della serata è stata mostrata un'animazione del movimento di 2012 DA14 fra le stelle, ripresa con il telescopio principale dell'OAVdA ed inviata in tempo reale ai colleghi Paolo Pellissier e Paolo Calcidese che si trovavano a Cogne. Si tratta di 8 immagini da 3 s ciascuna ripresa con il filtro R.
    Le animazioni, realizzate da parte del ricercatore Albino Carbognani e del laureando dell'Università di Pavia Simone Caminiti, sono state pubblicate nel sito della Gaia-FUN-SSO, mantenuto dall'osservatorio astronomico di Parigi:
Clicca qui per scaricare le animazioni.

Clicca qui per scaricare il comunicato stampa (PDF 60 KB)

Clicca qui per scaricare il programma (PDF 606 KB)

 

Giovedì 21 febbraio 2013 - Conferenza d'inverno

Sala Conferenze della Biblioteca Regionale di Aosta, via Torre del Lebbroso 2, ore 21.00
Ingresso libero

Titolo della conferenza: "Mappare la Galassia. L'astrometria cosmologica al tempo di Gaia"

Relatore: Prof. Mario Lattanzi, astronomo associato dell’Istituo Nazionale di Astrofisica presso l’Osservatorio Astronomico di Torino e docente del corso di Fondamenti di Astronomia della Via Lattea per la Laurea magistrale in Fisica all’Univeristà degli Studi di Torino.

Il satellite Gaia dell’Agenzia Spaziale Europea (ESA) sarà lanciato nella seconda metà del 2013 con l’obiettivo di tracciare la più accurata mappa tridimensionale della Via Lattea. Mario Lattanzi, astronomo dell’Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF), ha illustrato come la missione permetterà di studiare la struttura della Via Lattea e perfino dello spazio-tempo.

Clicca qui per approfondire l'argomento.

Clicca qui per scaricare la locandina (PDF 743 KB)

Clicca qui per scaricare il comunicato stampa (PDF 52 KB)

 

EVENTI SCIENTIFICI

(A) PROGETTO PIANETI EXTRASOLARI

Nel mese di gennaio è stato installato il quinto telescopio APACHE, l'ultimo della schiera dei cinque strumenti previsti a inizio progetto. Il telescopio e' stato finanziato dalla CRT e al momento è in fase di collaudo. Prima di Pasqua si prevede di poterlo utilizzare per le ricerche di pianeti extrasolari insieme agli altri quattro.

Nei primi giorni di gennaio il ricercatore Mario Damasso si è recato presso il Telescopio Nazionale Galileo (TNG) sull'isola di La Palma (Canarie) per fare osservazioni nell'ambito del programma italiano GAPS (Global Architecture of Planetary Systems). GAPS prevede osservazioni con lo spettrografo ad alta risoluzione HARPS-N (il migliore esistente nell'emisfero nord) per cercare in particolare variazioni nelle velocita' radiali di un grande campione di stelle. Tra queste ci sono alcune delle nane rosse osservate da APACHE. Queste misure su un campione comune di stelle fatte con tecniche diverse sono molto importanti, perché dalla fotometria e dalla spettroscopia arrivano informazioni diverse non solo sulla eventuale esistenza di pianeti ma anche sulle proprietà fisiche delle stelle. Nei prossimi mesi ricercatori dell'OAVdA/INAF-OATo continueranno a svolgere osservazioni al TNG nell'ambito del programma GAPS, che si prevede durerà due anni. Nel frattempo, il progetto ha già prodotto un articolo accettato per la pubblicazione sulla rivista Astronomy & Astrophysics, tra i coautori del quale figurano i dottorandi dell'OAVdA Mario Damasso e Paolo Giacobbe (S. Desidera et al., arXiv:1302.3093).

Clicca qui per leggere l'articolo (PDF 228 KB)

(B) PROGETTTO ASTEROIDI

Nei mesi di gennaio e febbraio in OAVdA sono state fatte osservazioni astrometriche del famoso asteroide 99942 Apophis, che il 13 aprile 2029 avrà un flyby molto stretto con la Terra. Le osservazioni sono state condotte nell'ambito del network internazionale Gaia-FUN-SSO (Gaia Follow-Up Network for Solar System Objects), coordinato dall'Osservatorio di Parigi e pubblicate sul sito Web dell'Institut de Mécanique Céleste et de Calcul des Ephémérides:
https://www.imcce.fr/gaia-fun-sso/start
Le osservazioni di Apophis raccolte dal network sono in numero tale da consentire la pubblicazione di un articolo scientifico sull'orbita di questo asteroide.

Il 6 gennaio all'OAVdA è stata osservata l'occultazione dell'asteroide triplo 87 Sylvia in collaborazione con l'Osservatorio della Costa Azzurra (Nizza). L'asteroide ha occultato la stella target TYC 1856-00745-1 di magnitudine +10,7 alle 02:39 locali.
Anche se il cielo era pesantemente velato da nubi, l'osservazione è stata coronata da pieno successo. Dall'OAVdA Sylvia ha eclissato la stella target per circa 14 s, il che equivale ad una corda di dimensioni pari a 230 km, un'ottima stima dell'ordine di grandezza delle dimensioni di Sylvia. I risultati preliminari sono stati pubblicati sul sito Web di CADOR (Coordination and Data Analysis for Robotic Observatories):
http://cador.obs-hp.fr/tarot/sylvia/

Il 15 febbraio all'OAVdA, sempre nell'ambito della Gaia-FUN-SSO, è stato seguito il flyby ravvicinato dell'asteroide 2012 DA14, passato a circa 27.000 km dalla superficie terrestre. Per rendere partecipi quante più persone possibile di questo straordinario evento, alcune animazioni sono state pubblicate sulla pagina Facebook dell'OAVdA e su YouTube:
https://www.youtube.com/watch?v=1yXDuBov-ME

Il 20 febbraio 2013, confrontando diverse curve di luce di un asteroide di Fascia Principale riprese fra gennaio e febbraio, sono emersi forti indizi sulla duplicità dell'asteroide. Le osservazioni proseguiranno nei prossimi mesi per caratterizzare completamente il sistema binario e pubblicare il relativo articolo scientifico.

Il 28 febbraio, Simone Caminiti, studente dell'Università di Pavia, ha ufficialmente terminato le osservazioni, iniziate nel settembre 2012, per la sua tesi specialistica in astrofisica. La tesi, seguita dal Dott. Albino Carbognani dell'OAVdA e dal Dott. Alberto Cellino dell'INAF-OATo, verteva sull'osservazione di asteroidi appartenenti alla Fascia Principale per determinare la curva di fase e calibrare una relazione fra l'albedo noto dell'asteroide e la pendenza della parte lineare della curva. La determinazione della curva di fase di un asteroide è un lavoro impegnativo per il gran numero di osservazioni richieste. Nei sei mesi della tesi sono stati osservati ben 10 asteroidi. I risultati saranno oggetto di una futura pubblicazione su una rivista scientifica.


PARTECIPAZIONE A CONGRESSI

Dal 4 all'8 febbraio l'OAVdA ha partecipato all'XI Congresso Nazionale di Scienze Planetarie che si è tenuto a Bormio (SO). Il congresso è stato un importante occasione di discussione per tutta la comunità planetologica italiana. A questa edizione hanno partecipato come relatori il Dott. Albino Carbognani (responsabile del progetto asteroidi
dell'OAVdA) e lo studente Simone Caminiti (Università di Pavia).
Carbognani ha presentato una relazione dal titolo "The spin rate distribution of Jupiter Trojans". Il talk è il frutto di una lunga collaborazione con Mario di Martino (Osservatorio Astrofisico di Torino) e Stefano Mottola (DLR - Institute of Planetary Research). Caminiti ha presentato una relazione dal titolo "Phase curves with calibration of albedo for some asteroids of the Main Belt", riguardante i primi risultati ottenuti con il lavoro svolto in OAVdA per la sua tesi specialistica. La pubblicazione dei Prooceding del congresso è prevista entro l'anno.

ALTRI EVENTI

Il ricercatore Andrea Bernagozzi ha fatto da controrelatore alla tesi dello studente Fabio Bettani della SISSA di Trieste. La discussione della tesi ha concluso il ciclo di due anni del Master biennale in Comunicazione della Scienza della Sissa di Trieste.
Ogni allievo è stato seguito da un relatore nel corso del lavoro di tesi e il compito del controrelatore è stato quello di offrire alla commissione un
giudizio tecnico esterno sul prodotto finale.
La sessione di tesi si è svolta giovedì 14 febbraio 2013.

 

UNITA' DI RICERCA

La Fondazione Clément Fillietroz-Onlus, assieme alla ditta Novasis Innovazione di Pont-Saint-Martin, con cui ha stipulato fra loro un accordo di partenariato, è stata ammessa al contributo previsto dal "Bando per la creazione e lo sviluppo di Unità di ricerca", pertanto a partire dal 1° marzo p.v. prenderà avvio l'Unità di Ricerca Atlas (Advanced Technology Laboratory for Automation Science), che si svilupperà per due anni su due progetti:

- R2DB2 (Retrieving and Treatment Onto DataBase exploiTatiOn) che ha l'obiettivo di produrre le conoscenze e le tecnologie necessarie per creare un database intelligente in grado di gestire e classificare in modo del tutto automatico grandi quantità di informazioni generate da processi complessi.

- C4PO (Control FOR Process Organization) che si propone di produrre le conoscenze e le tecnologie necessarie per sviluppare un sistema di image processing in real time dotato di capacità decisionale autonoma.

italiano français english :: home :: mail . info@oavda.it