:: news letter .. Maggio-Giugno 2014

EVENTI SCIENTIFICI

(A) PROGETTO PIANETI EXTRASOLARI

Nei mesi di maggio e giugno i ricercatori coinvolti nel progetto di ricerca APACHE hanno continuato ad osservare i target stellari ritenuti interessanti per la ricerca di pianeti di tipo terrestre in zona di abitabilità. Durante l'elaborazione dei dati di APACHE, sono state trovate stelle variabili mai osservate prima. In poco più di un anno di osservazioni, le nuove stelle variabili identificate dallo staff dell'Osservatorio sono ormai più di 100.

Nel mese di giugno è stato pubblicato sulla rivista The Journal of the American Association of Variable Star Observers , vol. 42, no. 1, p. 99 l'articolo “New Variable Stars Discovered by the APACHE Survey. I. Results After the First Observing Season” di cui sono autori M. Damasso; A. Bernagozzi, E. Bertolini, P. Calcidese, A. Carbognani, D. Cenadelli, J.M. Christille, P. Giacobbe, L. Lanteri, M. G. Lattanzi, M. G., R. Smart, A. Sozzetti.

Martedì 24 giugno 2014 abbiamo ricevuto la visita del Prof. Dave Charbonneau e del suo collaboratore Zach Berta in OAVdA. Charbonneau è Professore di Astronomia presso l' Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics di Cambridge (MA) ed esperto nello studio dei pianeti extrasolari.

 

(b) PROGETTO ASTEROIDI

Nel periodo maggio-giugno 2014 sono state fatte osservazioni fotometriche dei seguenti asteroidi che sono passati in prossimità della Terra (Near Earth Asteroid, NEA): (242708) 2005 UK1 e 2014 MF6. Il primo è un oggetto di tipo Apollo il cui periodo è risultato di 4,3 ore. Più ambigui, ma intriganti, i risultati su 2014 MF6. Per le date del 25-26 giugno il periodo di rotazione più probabile è 0.2 h (solo 12 minuti!), mentre per i dati del 30 giugno-01 luglio il periodo è 1,5 h. Le sessioni non sembrano compatibili fra di loro e sarebbero necessarie ulteriori osservazioni che però non sono possibili perché l'asteroide è diventato osservabile solo dall'emisfero sud e ora si sta allontanando rapidamente dalla Terra diventando troppo debole per poter essere seguito con il Telescopio Principale dell'OAVdA.

Nel mese di giugno 2014, come già anticipato nella newsletter precedente, è stato pubblicato su Icarus (Icarus, Volume 235, p. 55-59) l'articolo "On the maximum amplitude of harmonics of an asteroid lightcurve", che vede il ricercatore dell'OAVdA Albino Carbognani fra i coautori. Viene mostrato come gli asteroidi con grande ampiezza abbiano una curva di luce bimodale, mentre quelli con piccola ampiezza hanno contributi anche da altre armoniche che può rendere difficile stabilire il periodo di rotazione esatto. Fra i dati utilizzati per la stesura ci sono le curve di luce ottenute dall'OAVdA nel 2008 sull'asteroide 5404 Uemura.

Nel mese di giugno è stato scritto un articolo che raccoglie i risultati delle osservazioni fotometriche sugli asteroidi fatte in OAVdA nel periodo dicembre 2013-giugno 2014. L'articolo in inglese sarà inviato al Minor Planet Bullettin, la rivista con referee di riferimento per questo tipo di osservazioni.


PARTECIPAZIONE AI CONGRESSI

3-16 maggio 2014 il ricercatore Davide Cenadelli ha partecipato al Congresso Nazionale della Società Astronomia Italiana (SAIt), che si è tenuto a Milano.

 

TESI DI LAUREA

A metà giugno è salita in OAVdA la valdostana Silvia Monte, laureanda triennale in Fisica all'Università degli studi di Torino. Dopo avere parlato con il Relatore, il Prof. Mario Bertaina del Dipartimento di Fisica dell'Università, è stato deciso che Silvia svolgerà la sua tesi triennale presso l'OAVdA nel periodo dal 1 ottobre al 15 novembre 2014. L'argomento della tesi verterà sulla fotometria degli asteroidi NEA e avrà come correlatore il Dott. Carbognani, responsabile in OAVdA della ricerca sugli asteroidi.

 

EVENTI DIVULGATIVI

Martedì 13 maggio 2014, alle ore 21,00 presso l'Aula Magna dell'Università della Valle d'Aosta si è tenuta la Conferenza di Primavera. Relatore Prof. Giovanni De Menna, Professore ordinario di Elettrotecnica all'Università degli Studi di Napoli Federico II, titolo della conferenza: “ DALLA BUSSOLA AL TABLET. L'elettromagnetismo di Maxwell e la nascita della scienza moderna ”. Hanno introdotto la conferenza il Rettore dell'Università Prof. Fabrizio Cassella e il Direttore della Fondazione Fillietroz Prof. Enzo Bertolini. La conferenza ha descritto in modo divulgativo il profondo lavoro mentale che ha portato Maxwell nel triennio 1861-1863, centocinquant'anni fa, a concepire il modello dei campi partendo dalla ricerca dell'etere. Come già avvenuto in passato, la conferenza è stata duplicata per alcune scolaresche valdostane (77 studenti dell' Istituzione scolastica di istruzione tecnica “I. Manzetti” e del Liceo scientifico e linguistico “E. Bérard”) la mattina seguente presso la Sala Conferenze della Biblioteca Regionale.

La doppia conferenze del prof. Luciano De Menna, per pubblico e scuole, e' stata inserita nel calendario degli eventi in Italia per l'Anno Internazionale della Luce e delle Tecnologie basate sulla Luce 2015, proclamato dall'UNESCO su iniziativa della European Physical Society. E' il primo evento marchiato IYL2015 in Italia, ma non al mondo. Clicca per accedere al link.

Sabato 31 maggio 2014 – dalle ore 21.30 alle ore 23.30 evento The Avengers, una serata speciale, organizzata in collaborazione con la Film Commission Vallée d'Aoste, alla scoperta del cielo ispirata alle riprese del film The Avengers: Age of Ultron effettuate lo scorso mese di marzo in Valle d'Aosta.

5 giugno 2014 Il dott. Christille è stato invitato dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Lavis (TN) a tenere una conferenza sulle sue missioni in Antartide nell’ambito del convegno “Ecospazio: Missione in Antartide”

 

EVENTI DIDATTICI SPECIALI

Nelle date 6 e 7 maggio - 20 e 21 maggio 2014 , si sono svolti i due Progetti d'Eccellenza previsti per l'anno scolastico 2013-2014. I Progetti d'eccellenza sono organizzati dall'Assessorato Istruzione e Cultura della Regione Autonoma Valle d'Aosta-Ufficio Supporto Autonomia Scolastica (USAS) del Dipartimento Sovraintendenza agli studi con la consulenza della Fondazione per contenuti e logistica. Sono rivolti a un numero ristretto di studenti scelti e si prefiggono l'obiettivo di approfondire alcuni temi scientifici in due giorni di full immersion, alternando attività teoriche e pratiche.

Il primo progetto, intitolato “DALLE COMETE ALL'ASTROCHIMICA”, era rivolto a studenti di delle classi terze delle scuole superiori. Hanno partecipato al progetto 8 alunni. Lo scopo dello stage era di analizzare teorie ed ipotesi relative ai processi evolutivi che hanno interessato in passato i pianeti facendo ipotizzare l'esistenza di altre forme di vita oltre alla nostra. Le comete sono i residui della formazione dei pianeti avvenuta circa 5 miliardi di anni fa, studiarle significa capire da dove veniamo e come ci siamo evoluti. In particolare, le comete sono state la principale sorgente di acqua per la nascita degli oceani terrestri, quindi sono state indispensabili per la nascita della vita biologica sulla Terra. Durante lo stage sono stati affrontati temi inerenti l'evoluzione chimica e biochimica delle comete e argomenti di astrobiologia. L'astrochimica insieme all'astrobiologia è una disciplina che ha come scopo quello di indagare l'origine delle molecole biologiche e prebiotiche nel nostro Sistema Solare, nelle atmosfere dei pianeti extrasolari e nelle nubi di formazione stellare, per arrivare forse un giorno a rispondere alla domanda “esitono altre forme di vita oltre alla nostra?”.

Il secondo Progetto, dal titolo “Dalla spettroscopia ai pianeti extrasolari” era rivolto ad alunni delle classi quinte, ed ha visto la partecipazione di 7 ragazzi. Questo stage si proponeva di analizzare i principi della spettroscopia, di comprendere le diverse componenti della luce e di utilizzarli in particolare nel campo dei pianeti extrasolari. Lo scopo era di comprendere come lo studio dello spettro delle stelle, quindi dei fattori chimici e fisici che le caratterizzano permetta di classificarle in base al loro “tipo spettrale” e di riconoscerne età ed evoluzione. Sono stati sviluppati elementi di astrometria (misura della posizione dei corpi celesti), fotometria (misura della radiazione dei corpi celesti), per determinare la distanza e la luminosità di un astro, spettroscopia, principi e proprietà, in quanto l'analisi spettroscopica consente di studiare le caratteristiche fisiche stellari, quali la velocità radiale (sfruttando l'Effetto Doppler), la temperatura, la densità e la composizione chimica.

PERSONALITA' IN VISITA

A proposito della visita del Prof. Charbonneau vedasi paragrafo sul Progetto Pianeti Extrasolari.

 

UNITA' DI RICERCA ATLAS

Giovedì 8 maggio 2014 - Al mattino si è svolta la visita di monitoraggio per il progetto Sith.

Mercoledì 11 giugno 2014 - Al mattino si è svolta la riunione del Gruppo di Gestione dell'Unità di Ricerca a Pont-Saint-Martin

 

ALTRI EVENTI

Lunedì 19 maggio 2014 il ricercatore Andrea Bernagozzi ha partecipato all'incontro tenutosi in Biblioteca Regionale e organizzato dall' L'Assessorato Attivita produttive, che ha avuto il compito dalla Giunta di coordinare il lavoro per la scrittura del documento Smart Specialisation Strategy (S3). Nella programmazione 2014-2020 la distribuzione alle regioni di tutta l'Unione Europea dei fondi UE (FESR per lo sviluppo, FEASR per l'agricoltura, FSE per la formazione) è vincolata alla presentazione del documento S3. In questo documento ogni regione individua la propria Strategia regionale di ricerca e innovazione, al fine di identificare quei vantaggi competitivi e quelle specializzazioni tecnologiche più coerenti con il potenziale di innovazione regionale. In sostanza, ogni regione deve dichiarare prima della concessione dei fondi quale indirizzo vuole dare al proprio sviluppo economico (Strategy) indicando i punti di forza tipici di quel territorio (Specialisation) e come si possono valorizzare in modo intelligente (Smart) con i fondi che saranno concessi. L'incontro in Biblioteca Regionale è stato un momento informativo in cui si è annunciato alle varie realtà valdostane che sarebbero state coinvolte nell'indagine volta a individuare i punti di forza da introdurre nel documento S3.

Martedì 20 maggio 2014 il ricercatore Matteo Soldi ha partecipato al workshop "BIODIVERSITÀ - Tre anni di ricerche in Valle d'Aosta" che si è svolto presso la sala polifunzionale Grand-Place di Pollein (AO), organizzato nell'ambito del progetto VIVA Valle d'Aosta unica per natura, cofinanziato dai Fondi Europei di Sviluppo Regionale (FESR) del Programma Competitività regionale 2007/2013.

Mercoledì 11 giugno 2014 – Il ricercatore Paolo Calcidese ha partecipato alla Missione tecnologica a Torino organizzata da ATTIVA per visitare Fablab,Toolbox Office Lab & Coworking e l'Incubatore di Imprese dell'Università degli Studi di Torino.

Giovedì 19 giugno 2014 – Il Prof. Enzo Bertolini e i ricercatori Jean Marc Christille e Albino Carbognani hanno partecipato all'iniziativa “Pépinières Ouvertes” a Pont-Saint-Martin, allo scopo di approfondire la conoscenza delle aziende che operano nell'ambito delle Pépinières d'entreprises e di individuare possibili partner per eventuali future collaborazioni nel campo del trasferimento tecnologico.

 

LAVORI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA


Fine maggio 2014 si sono conclusi i lavori di manutenzione straordinaria all'Osservatorio nell'ambito del cosiddetto “Stralcio C”, riguardante il completamento della sistemazione delle aree esterne di proprietà regionale che erano ripresi il 28 aprile 2014 dopo la pausa invernale. Questi lavori erano infatti iniziati a metà settembre 2013 con la creazione dell'impianto di irrigazione per la nuova area di osservazione all'aperto.



 

italiano français english :: home :: mail . info@oavda.it