:: news letter .. maggio-giugno 2015

EVENTI SCIENTIFICI

 

(A) PROGETTO PIANETI EXTRASOLARI

Nei mesi di maggio e giugno i ricercatori coinvolti nel progetto di ricerca APACHE hanno continuato ad osservare i target stellari ritenuti interessanti per la ricerca di pianeti di tipo terrestre in zona di abitabilità ed è continuata la collaborazione con il TNG e con altri osservatori terrestri per l’analisi degli spettri delle stelle che emettono segnali rilevati a Saint-Barthélemy e ritenuti interessanti per il progetto. Dal 22 al 24 giugno è stato in visita in OAVdA il Dott. Luigi Mancini, ricercatore del Max Planck Institute for Astronomy. Il Dott. Mancini è coinvolto in diversi progetti di ricerca su pianeti extrasolari con il metodo fotometrico del transito, lo stesso metodo che viene utilizzato in OAVdA.

(B) PROGETTTO ASTEROIDI

Nel mese di maggio sono state condotte le ultime osservazioni fotometriche della survey iniziata ad ottobre 2014 alla ricerca di LSFR (Large Super-Fast Rotator) fra i NEA (vedi newsletter precedenti). Sono stati osservati gli asteroidi 2012 LC1, 1998 KU2 e 2015 KW120.
Una parte essenziale della ricerca scientifica, oltre alle osservazioni ed elaborazione dei dati, consiste nella pubblicazione dei risultati.
Per questo motivo nel bimestre sono stati scritti due articoli dal dott. Carbognani. Il primo, dal titolo "Search of Large Super-Fast Rotator Between NEAs", verrà pubblicato nei Proceedings del Congresso di Planetologia di Bormio sulla rivista scientifica "Memorie della Società Astronomica Italiana" e, grosso modo, illustra il contenuto del poster presentato a suo tempo. Il secondo articolo invece è molto più vasto ed articolato perché vengono esposti i risultati completi delle osservazioni fotometriche sui NEA alla ricerca di LSFR. Il titolo è: "A New Candidate Large Super-Fast Rotator, the Near Earth Object 2014 VQ", che a luglio verrà inviato alla rivista scientifica internazionale "Planetary and Space Science" una volta approvato dai coautori, fra cui è presente P. Pravec dell'Osservatorio di Ondrejov (Repubblica Ceca), uno dei massimi esperti internazionali per quanto riguarda la fotometria degli asteroidi.
Per concludere, il 17 giugno il flyby del famoso NEA (1566) Icarus (fra i primi asteroidi di questo tipo ad essere scoperto nel 1968), ha permesso nei giorni successivi di compiere osservazioni fotometriche su questo interessante oggetto che, trovandosi ad avere un periodo di rotazione al limite della spin-barrier, potrebbe essere un sistema binario.

(C) PROGETTO CORONA SOLARE


Il progetto è momentaneamente in stand-by.


(D) COLLABORAZIONE CON L’IRAIT (The International Robotic Antarctic Infrared Telescope)


Il 10-11 maggio il Project Manager di ITM si è recato a Barcellona per una riunione interna del gruppo ITM per organizzare l'upgrade della gestione elettronica delle ottiche. Presenti al tavolo Carlos Abia (UGR), Maurizio Busso (UniPG), Francesc Vilardell (IEEC), Pere Gil (IEEC - futuro invernante) e Jordi Isern (IEEC).
Come di consueto continuano tutti i giovedì alle ore 10:00 LT le riunioni skype tra il team invernale di Dome C (Dr Markus Wildi) ed il Project Manager il Dr Jean Marc Christille. Il telescopio è in funzione e presto, una volta finito il montaggio della nuova camera CCD G4 Moravian si otterranno i primi dati scientifici del progetto ITM.

 

PARTECIPAZIONE AI CONGRESSI

Da Lunedì 29 a mercoledì 1° luglio il Responsabile del Planetario è stato nella cittadina francese di Nantes per partecipare al convegno della RSA Cosmos.

 

UNITA' DI RICERCA ATLAS

PROGETTO SITH (Sistema di fusIone daTi/Hardware)


Nei mesi di maggio e giugno è proseguito il lavoro sui Work Package n° 3 e 4, i cui obiettivi sono stati descritti nella newsletter precedente.

 

VISITING RESEARCHERS


Dal 22 al 24 giugno è stato in visita in OAVdA il Dott. Luigi Mancini, ricercatore del Max Planck Institute for Astronomy (vedasi la sezione “Eventi scientifici”).

 

STAGE PER TESI DI LAUREA


Da Mercoledì 27 maggio sta svolgendo uno stage in OAVdA lo studente valdostano Roger Cattaneo, iscritto al 3° anno della Facoltà di Fisica all’Università degli Studi di Torino. Il titolo della tesi è "Caratterizzazione fotometrica di una nuova stella variabile". Il tutor aziendale sarà il Dott. Albino Cargognani, mentre il Relatore della tesi sarà il prof. Mario Bertaina, docente presso la stessa Università e esperto di radiazione cosmica. La nuova stella variabile che lo studente dovrà caratterizzare si trova nella costellazione Ursa Major. Per le osservazioni si utilizzerà il telescopio Ritchey-Chrétien da 40 cm f/8 su montatura equatoriale a forcella da 40 cm che si trova in Terrazza Scientifica. Lo stage dovrebbe terminare entro la fine del mese di agosto, per un numero totale di 150 ore.

 

STAGES ESTIVI IN OAVdA

Da Lunedì 29 giugno a Venerdì 31 luglio sta frequentando l'OAVdA lo stagista Fabio Baldo, che ha frequentato il quarto anno presso il Liceo Scientifico E. Bérard di Aosta.

 

EVENTI DIVULGATIVI


Giovedì 21 maggio, ore 21.00 – conferenza di primavera. Titolo “LA STORIA FRA LE STELLE. La visione moderna del cielo nell’antichità”, relatore Dott. Paolo Pellissier, Responsabile del Planetario di Lignan, Sala conferenze della Biblioteca Regionale di Aosta, ingresso libero. In quale modo il cielo stellato è diventato la sede di simboli e miti che ancora oggi raccontiamo? È possibile rianalizzarne alcuni e trovare un’interpretazione che li faccia uscire dalla leggenda? Lo studio del cielo nei tempi antichi si limitava a queste costruzioni o cercava un senso e una misura delle cose, con un approccio simile a quello dell’astronomia moderna, da Copernico e Galileo a noi? Ed era possibile “fare scienza” osservando a occhio nudo e con semplici strumenti manuali? La conferenza ha cercato di dare una risposta a queste domande, attraverso il racconto di alcune tappe dello sviluppo del pensiero astronomico dalla preistoria alla fine dell’epoca ellenistica, e farci conoscere la genialità e la modernità di pensiero degli antichi, che è la base della conoscenza odierna.


Giovedì 4 giugno si è tenuta la prima lezione del corso astronomia, organizzato dall’OAVdA Il corso è stato studiato appositamente per dare le basi essenziali del sapere astronomico e sull’utilizzo del telescopio. Il corso era diviso in una parte teorica, che si è svolta presso la Sala Formazione del CSV (Coordinamento Solidarietà Valle d’Aosta), in Via Xavier de Maistre 19, Aosta. il Comune di Nus, e una parte pratica, presso l’OAVdA. Le lezioni sono state tenute dal dott. Andrea Bernagozzi, Ricercatore all’OAVdA e Team leader dell’unità di ricerca Atlas. I temi trattati hanno riguardato il Sole e il Sistema Solare (1 h), le stelle e la loro evoluzione (1 h), le galassie e la cosmologia (1 h), il telescopio (1 h). Le lezioni si sono svolte nel mese di giugno nei giorni Giovedì 4, Martedì 9, Giovedì 11, Giovedì 18 e Mercoledì 24. Il corso ha visto la partecipazione di 24 iscritti.


Venerdì 5 giugno, ore 21.00 – conferenza pubblica e secondo appuntamento nell’ambito di “Expo 2015 – Mountain week”. Titolo “Spegniamo le luci, accendiamo le stelle. La montagna e l'inquinamento luminoso”, relatore Dott. Andrea Bernagozzi, Ricercatore all’OAVdA e Team leader dell’Unità di ricerca Atlas, Sala conferenze della Biblioteca Regionale di Aosta, ingresso libero. La conferenza è stata preceduta da un indirizzo di saluto della Dott.ssa Stefania Riccardi, Consigliera di Amministrazione di Expo VdA. La conferenza ha trattato il tema dell’inquinamento luminoso, spiegando perché il problema riguardi tutti e come l’ambiente alpino sia un laboratorio privilegiato per sperimentare metodi innovativi di produzione e utilizzo dell’energia in modo intelligente, oltre che per guardare il cielo al telescopio!


Sabato 6 giugno, ore 17.00 – conferenza pubblica e terzo appuntamento nell’ambito di “Expo 2015 – Mountain week”. Titolo “Le montagne del Sistema Solare. Dal Monte Bianco a Mons Olympus su Marte”, relatore Dott. Paolo Calcidese, Coordinatore della ricerca scientifica all’OAVdA, Sala conferenze della Biblioteca Regionale di Aosta, ingresso libero. La conferenza è stata preceduta da un indirizzo di saluto del Dott. Claudio Restano, Presidente di Expo VdA e Consigliere regionale. La conferenza ha messo in relazione i diversi panorami montani del Sistema Solare con quelli della Terra. Il confronto ha permesso di comprendere l’unicità delle montagne del nostro pianeta e quindi perché siano una risorsa preziosa da gestire con cura: un approccio non convenzionale per sottolineare l’importanza dello sviluppo sostenibile in ambiente montano.


Martedì 30 giugno, anniversario della famosa Catastrofe di Tunguska avvenuta in Siberia il 30 giugno 1908, in OAVdA si è svolto l'Asteroid Day, una giornata dedicata allo sviluppo della consapevolezza globale del rischio rappresentato dagli asteroidi Near-Earth. Durante questa serata straordinaria, il pubblico ha potuto assistere alla conferenza "La Catastrofe di Tunguska e il rischio asteroidi", tenuta in Planetario dal dott. Carbognani e ammirare un reperto unico nel suo genere: la sezione di un albero siberiano, dell'età di 150 anni, proveniente dalla regione di Tunguska e sopravvissuto all'evento.
Visto il successo dell’evento, che ha registrato il tutto esaurito, la serata è stata ripetuta il 2 luglio.
La notizia dell'Asteroid Day a Nus è riportata nel bollettino dell'International Astronomical Union tra gli eventi principali a livello mondiale di Cosmic Light, la parte 'astronomica' dell'Anno internazionale della luce.

 

EVENTI SPECIALI


Il 12 giugno a Palazzo Regionale è avvenuta la cerimonia di "consegna" dell'asteroide 2007 RT6, scoperto nel 2007 dal dott. Carbognani, che ora porta il nome ufficiale di Valléedaoste. Al Presidente della Regione dott. Augusto Rollandin è stato consegnata dal Direttore della Fondazione C. Fillietroz, Prof. Enzo Bertolini, una targa che contiene, fra le altre cose, la motivazione ufficiale del nome sottoposto al Minor Planet Center:
(335853) Valléedaoste = 2007 RT6
Discovered 2007 Sept. 7 by A. Carbognani at Saint-Barthelemy.
Named for the Italian Aosta Valley Autonomous Region, which supports the Astronomical Observatory of the Aosta Valley, a regional astronomical observatory whose main activities are scientific research, public outreach and education.
L'asteroide Valléedaoste è un oggetto della Fascia Principale, quindi si muove nella regione di spazio compresa fra le orbite di Marte e Giove. La sue dimensioni sono di circa 4-5 km, grosso modo quelle del Monte Bianco: in un certo senso si può dire che Valléedaoste è il quinto 4000 della Valle d'Aosta. L'evento ha avuto una buona diffusione fra i media regionali.

 

ALTRI EVENTI


Mercoledì 6 maggio il Direttore, prof. Enzo Bertolini, e l’Assistente di Direzione, Dott.ssa Liliana Laval, hanno partecipato al Seminario di lancio del Programma Interreg V-A Francia Italial, tenutosi a Montmélian (Chambéry).


Mercoledì 27 maggio il Direttore ha accompagnato una delegazione di Consiglieri regionali al CERN di Ginevra per una visita guidata del centro di ricerca. Hanno partecipato i Consiglieri Marco Vierin, Chantal Certan, Nello Fabbri, Carmela Fontana, Jean-Pierre Guichardaz, André Laniece, Patrizia Morelli, Fabrizio Roscio e la Segretaria Generale della Presidenza del Consiglio Christine Perrin.


Lunedì 8 giugno il Direttore, la sua Assistente ed i ricercatori Andrea Bernagozzi e Jean-Marc Christille hanno partecipato ad un incontro di presentazione dei programmi della politica regionale di sviluppo della valle d’Aosta 2014-2020, tenutosi dalle 14 alle 18 presso la Pépinière d’Entreprises di Aosta.


Venerdì 19 giugno il Direttore ha accompagnato una delegazione di Consiglieri regionali al JET di Oxford per una visita guidata del centro di ricerca. Hanno partecipato i Consiglieri Mauro Baccega, Nello Fabbri, Joel Farcoz, Carmela Fontana, Jean-Pierre Guichardaz, Leonardo La Torre, Patrizia Morelli, Alessandro Nogara, Fabrizio Roscio.
Divulgazione

 

EVENTI ISTITUZIONALI


Lunedì 18 maggio, a causa dell’incompatibilità con l’elezione alla carica di Vicesindaco, in occasione delle ultime consultazioni elettorali del 10 maggio, il Sig. Camillo Rosset ha rassegnato le proprie dimissioni da rappresentante del Comune di Nus in seno al Consiglio di Amministrazione della Fondazione Clément Fillietroz-onlus.


Giovedì 18 giugno la Giunta Comunale del Comune di Nus, con deliberazione n° 53, ha deliberato di nominare come sostituto del Sig. Camillo Rosset la Dott.ssa Antonella Grange.
Il Consiglio di Amministrazione, così come tutti gli altri organi statutari, era stato rinnovato nel 2013 e alla data del 30/06/2014 risulta così composto:


• Presidente: Dott. Roberto Crétier, nominato dalla Comunità Montana Mont Emilius


• Vicepresidente: Geom. Roberto Benvenuto, nominato dalla Giunta Regionale


• Consigliera: Dott.ssa Antonella Grange, nominata dal Comune di Nus


• Consigliere: Prof. Ruggero Montesano, nominato dalla Giunta Regionale


Il Consiglio di Amministrazione è composto esclusivamente dai rappresentati dei Soci fondatori, non avendo la Fondazione come soci altri soggetti pubblici o privati.

italiano français english :: home :: mail . info@oavda.it