:: news letter .. Marzo-Aprile 2014

EVENTI SCIENTIFICI

Il ricercatore Jean Marc Christille, che sta svolgendo presso l’OAVdA una tesi di dottorato di ricerca (triennio 2011-2014) assegnata dall’Università degli Studi di Perugia, dal marzo 2014 è il nuovo Operation Manager for IRAIT (The International Robotic Antarctic Infrared Telescope).

(A) PROGETTO PIANETI EXTRASOLARI

Durante le sere di venerdì 28 e sabato 29 marzo 2014 è stato in OAVdA a fare osservazioni APACHE il ricercatore Ronald Drimmel, astronomo all'INAF-Osservatorio Astrofisico di Torino, membro del Gaia Data Analysis Coordination Committee (DACC). Drimmel è stato coinvolto nella preparazione del Gaia Data Processing and Analysis Consortium (DPAC) e, dal giugno 2006, è Deputy Chair di DPACE, il comitato esecutivo che gestisce e coordina le attività del consorzio DPAC. Questo consorzio, cui partecipano circa 450 scienziati di varie istituzioni accademiche internazionali, ha la responsabilità chiave della complessa e raffinata analisi dei dati ripresi dalla sonda Gaia dell'ESA.

(b) PROGETTO ASTEROIDI

Nel periodo marzo-aprile 2014 sono state fatte osservazioni fotometriche dei seguenti asteroidi che sono passati in prossimità della Terra (Near Earth Asteroid): 1995 SA, 2014 CU13, 2003 QQ47 e 1997 WS22. Lo scopo delle osservazioni era ottenere il periodo di rotazione dell'asteroide per avere informazioni sulla struttura (se rubble pile oppure monolitico) e andare alla ricerca di eventuali sistemi binari, utilissimi per misurare la densità media degli asteroidi, un parametro difficile da ottenere con altre tecniche.

In collaborazione con M. Delbò e P. Tanga dell'Osservatorio della Costa Azzurra (O.C.A.), sono state fatte osservazioni fotometriche degli asteroidi di Fascia Principale 7436 Kuroiwa e 980 Anacostia. Nel caso di 7436 lo scopo delle osservazioni era di ottenere il periodo di rotazione dopo che osservazioni fotometriche fatte da altri osservatori in dicembre 2013 - gennaio 2014 avevano mostrato una curva di luce sostanzialmente piatta. Noto il periodo e l'orientazione del polo, con i dati infrarossi di WISE si può modellizzare il comportamento termico dell'asteroide. Per 980 l'obiettivo era ottenere una curva di luce completa per ottenere la forma dell'asteroide applicando le tecniche di inversione fotometrica. Questo lavoro è parte della tesi di dottorato di Max Devogele, studente all'OCA dal 2013, concernente la caratterizzazione con diverse tecniche (fotometria, polarimetria e occultazioni) degli asteroidi "Barbarian", il cui capostipite è 234 Barbara.

Infine è stato definitivamente accettato per la pubblicazione sulla prestigiosa rivista scientifica Icarus Icarus l'articolo: A.W. Harris, P. Pravec, A. Galád, B.A. Skiff, B.D. Warner, J. Világi, Š. Gajdoš, A. Carbognani, K. Hornoch, P. Kušnirák, W.R. Cooney Jr., J. Gross, D. Terrell, D. Higgins, E. Bowell, B.W. Koehn, “On the maximum amplitude of harmonics of an asteroid lightcurve”, Icarus 235 (2014) 55–59. Questo lavoro tratta della difficoltà di ottenere il giusto periodo rotazionale degli asteroidi ed utilizza osservazioni fatte all'OAVdA dell'asteroide 5404 Uemura negli anni 2008-2009.

PARTECIPAZIONE AI CONGRESSI

29-30 aprile 2014 il ricercatore Mario Damasso ha partecipato al IV progress meeting del progetto GAPS “Global Architecture of Planetary System” a Milano. Damasso ha presentato tre talk: “L’analisi dei dati apache e il confronto con HARPS”, “XO2S and XO2N” e un terzo talk dedicato al lavoro di caratterizzazione fotometrica delle nane rosse osservate in comune con APACHE.

 

TESI DI LAUREA

Laurea di Caminiti . Il 30 aprile 2014 il ricercatore Albino Carbognani, responsabile del Progetto Asteroidi, è stato invitato dal Direttore del Dipartimento di Fisica dell'Università di Pavia a presiedere come correlatore alla sessione di laurea magistrale di Simone Caminiti. Lo studente ha svolto una tesi di laurea sperimentale in OAVdA nei periodi settembre 2012-febbraio 2013 e gennaio-marzo 2014. Iscritto al Corso di laurea magistrale in Scienze Fisiche, Facoltà di di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali, Università degli Studi di Pavia, ha scritto una tesi dal titolo : “Curve di fase con calibrazione dell’albedo per alcuni asteroidi della fascia principale”, Relatore Prof. Andrea De Luca, docente di Astronomia, Correlatore Prof. Alberto Cellino, ricercatore all’INAF-OATo, Tutor in OAVdA e Correlatore il ricercatore Dott. Albino Carbognani.

 

TESI DI DOTTORATO

Dottorato Giacobbe Il 20 marzo 2014 ha discusso la tesi di dottorato il dott. Paolo Giacobbe (quadriennio 2010-2014), iscritto all’Università degli Studi di Trieste. Giacobbe ha svolto un progetto di ricerca dal titolo “Survey fotometrica di nane M per la ricerca di pianeti extrasolari rocciosi ed abitabili”, Supervisori: Prof.ssa Francesca Matteucci, Prof. Mario Lattanzi docente della Facoltà di Fisica dell’Università degli Studi di Torino e astronomo all’INAF-OATo e Dott. Alessandro Sozzetti, astronomo dell’INAF-OATo. L’attività osservativa e di analisi dei dati si è svolta a Saint-Barthélemy e ha costituito il naturale proseguimento di un percorso avviato con la tesi di laurea magistrale svolta da Giacobbe sempre in OAVdA.

Dottorato Damasso Il 28 marzo 2014 ha discusso la sua tesi di dottorato il dott. Mario Damasso (quadriennio 2010-2014), ricercatore dell’OAVdA con borsa FSE per i primi tre anni e borsa ASI/INAF nel quarto. Iscritto all’Università degli Studi di Padova, ha sviluppato un progetto di ricerca dal titolo “A M dwarf planet search programme using the photometric transit method: implementation of a new ground-based survey”, Coordinatore Prof. Giampaolo Piotto, Supervisore Prof. Giampaolo Piotto, Co-supervisore Dott. Alessandro Sozzetti, astronomo dell’INAF-OATo, contro-relatore esterno Prof. Andrew Collier Cameron, Ordinario di Astronomia alla School of Physics and Astronomy University of St Andrews.

EVENTI DIVULGATIVI

Sabato 8 marzo 2014, dalle 18.30 alle 20.30, in occasione della festa della donna, è ripreso il ciclo di appuntamenti “Aperitivi sotto il cielo stellato – Una sera con…”, per osservare alcuni degli oggetti più luminosi visibili subito dopo il tramonto del Sole. Approfittando della presenza in cielo della Luna crescente, e delle buone condizioni di visibilità di Giove, la Fondazione ha organizzato un happy-hour scientifico caratterizzato dall'osservazione, sia a occhio nudo sia al telescopio, degli oggetti più luminosi visibili in cielo nella magica luce del crepuscolo serale. La prima parte della serata si è svolta in Osservatorio mentre dalle 19.30 alle 20.30 ci si è spostati all'Hotel-Ristorante Cuney di Lignan per un aperitivo e per continuare a osservare il cielo a occhio nudo e con binocoli.

Sabato 12 aprile 2014, ore 21.30 – 00.30, in occasione dell'anniversario del primo volo umano nello spazio, la Fondazione ha organizzato una serata denominata “ La notte dei pianeti. I pianeti esterni del sistema solare danno spettacolo .” Per celebrare il volo di Yuri Gagarin (avvenuto il 12 aprile del 1961) e più in generale per augurare all'umanità un lungo e prospero futuro spaziale, ogni anno il 12 aprile si tiene la Yuri's Night, un'iniziativa che coinvolge enti e appassionati di tutto il mondo.

La Fondazione ha partecipato a questo evento organizzando una serata in cui osservare i pianeti più spettacolari del Sistema Solare. L'attenzione si è concentrata su Marte, poi sul pianeta nano Cerere e l'asteroide Vesta, quindi su Giove e per concludere, verso la fine della serata, su Saturno. Anche la Luna ha dato il suo contributo, presentandosi in fase avanzata, quasi piena per mostrare al telescopio montagne e crateri. La manifestazione è stata inserita nel calendario delle attività previste per l'evento internazionale “Yuri's Night - The World Space Party” (http://yurisnight.net/find-a-party/).


VISITING STUDENTS

Dal 7 aprile 2014 Lorenzo Gioannini, studente del Dipartimento di Fisica dell'Università di Torino, ha iniziato a svolgere il suo lavoro di tesi specialistica insieme al team APACHE. La discussione della Tesi è prevista per ottobre 2014. Lo studente analizzerà parte delle curve di luce delle stelle di campo osservate da APACHE con lo scopo di scoprire evidenza di pianeti in transito non ancora individuati nel corso delle analisi già effettuate e che hanno portato all'accettazione dell'articolo citato nella newsletter gennaio-febbraio 2014, che verrà pubblicato nel giugno 2014 sul Journal of the American Association of Variable Star Observes (JAAVSO) " New Variable Stars Discovered by the APACHE Survey. I. Results After the First Observing Season " (primo autore M. Damasso), in cui si annuncia la scoperta fatta dal team APACHE di più di 80 nuove stelle variabili nel corso della prima stagione osservativa.


UNITA' DI RICERCA

Formazione. Il piano di formazione dell’UR segue due linee di intervento, distinte per obiettivi, ma con punti di contatto tra loro: la formazione rivolta all’intero staff di ricerca, compresi i giovani ricercatori, e quella dedicata esplicitamente ai giovani ricercatori. Entrambe le direttrici sono state attivate all’avvio dell’UR in data 1° marzo 2013. La formazione rivolta a tutti i ricercatori prevede seminari tenuti dai membri del Gruppo di gestione, cioè i ricercatori più esperti interni all’UR. La formazione dedicata esplicitamente ai giovani ricercatori prevede seminari tenuti da un ricercatore esterno all’UR, il dott. Petr Kubánek dell’Istituto di Fisica-Accademia delle Scienze della Repubblica Ceca, con sede a Praga, esperto di Computer Science di livello internazionale. Questi seminari si configurano come stage della durata di circa una settimana che si svolgono in OAVdA, sede e laboratorio principale dell’UR, prevedendo l’utilizzo intensivo di attrezzature scientifiche, con particolare riguardo al controllo remoto per via informatica di dispositivi meccatronici per la robotizzazione e alla gestione di database. I seminari sono tenuti in inglese. Dopo il primo seminario, svoltosi dal 15 al 25 aprile 2013 dal titolo “C++ and Python: tools and best practices for scientific computing”, Nel marzo 2014, precisamente dal 6 al 14, si è svolto un secondo seminario dal titolo “Control software requirements for versatile robotic system. RTS2: a case study.”

ALTRI EVENTI


25 e 26 ,arzo 2014 - Menzione della Fondazione al Workshop "Raccontare e insegnare il cielo e le stelle". Il workshop, che si è tenuto a Bologna, è stato organizzato dall'INAF nell’ambito della Settimana del Libro e della Cultura per i Ragazzi "Non ditelo ai grandi", sezione aperta al pubblico della Bologna Children's Book Fair.
Nell'ambito di tale workshop la dott.ssa Elena Baldini ha presentato un poster scientifico sull’esperienza realizzata a Bergamoscienza "Una Valigia Spaziale" nel 2012 in collaborazione con i ricercatori Paolo Calcidese e Andrea Bernagozzi dell'OAVdA. Il laboratorio è stato inserito anche nella proposta didattica della Fondazione Fillietroz per le scuole.

 

EVENTI ISTITUZIONALI

Giovedì 6 marzo 2014 prima riunione del Consiglio di Amministrazione della Fondazione Fillietroz per il 2014.

Mercoledì 26 e giovedì 27 marzo 2014 prima riunione del Comitato Scientifico della Fondazione Fillietroz per il 2014. Fino al 26 marzo 2014 la Presidente del CS era stata la prof.ssa Ester Antonucci, INAF-Osservatorio Astronomico di Torino; dopo quella data, quando per la prima volta dalla nomina del Comitato (il 31/07/2013) tutti i componenti del CS erano presenti, è stata eletta Presidente la dott.ssa Marta Burgay, INAF-Osservatorio Astronomico di Cagliari e Australian Pulsar Group, mentre la prof.ssa Antonucci ha ricoperto la carica di Consigliere.

Giovedì 17 aprile 2014 seconda riunione del Consiglio di Amministrazione della Fondazione Fillietroz per il 2014.

LAVORI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA

Lunedì 28 aprile 2014 aprile sono ripresi i lavori di manutenzione straordinaria all’Osservatorio nell’ambito del cosiddetto “Stralcio C”, riguardante il completamento della sistemazione delle aree esterne di proprietà regionale. I lavori sono iniziati a metà settembre 2013 con la creazione dell’impianto di irrigazione per la nuova area di osservazione all’aperto e in aprile si è proseguito con l’allacciamento all’impianto già esistente, a servizio delle altre aree esterne, e con la semina del verde e il posizionamento delle piante ornamentali.


 

italiano français english :: home :: mail . info@oavda.it