:: news letter .. Marzo-aprile 2015

EVENTI SCIENTIFICI

 

(A) PROGETTO PIANETI EXTRASOLARI

Giovedì 2 aprile si è svolta una riunione operativa dello staff di APACHE durante la quale è stata data comunicazione ufficiale della collaborazione di APACHE con HARPS-N@TNG di GAPS e i 'cugini' di MEarth di Harvard. L’obiettivo è il monitoraggio di stelle nane rosse studiate dalla missione Kepler 2 della NASA, per integrare i dati di questo telescopio spaziale con quelli ripresi, con strumentazioni e metodologie diverse, dalla superficie terrestre, ottenendo un quadro più completo e significativo.
I ricercatori Mario Damasso e Paolo Giacobbe, che fanno capo all’INAF-OATo ma collaborano al progetto APACHE, hanno partecipato al VI progress meeting del progetto nazionale GAPS, tenutosi a Trieste dal 22 al 24 aprile. GAPS è il più ambizioso progetto dedicato ai pianeti extrasolari che vede coinvolta la comunità italiana degli astronomi interessati alla ricerca e caratterizzazione di nuovi mondi. GAPS utilizza lo spettrografo HARPS-N montato al Telescopio Nazionale Galileo per misurare le velocità radiali di un ricco e variegato campione di stelle. Uno dei contributi presentati a Trieste ha riguardato l'aggiornamento sul monitoraggio fotometrico fatto da APACHE sul campione di nane rosse in comune con GAPS. Questo monitoraggio, oltre a essere importante per la ricerca di transiti, rappresenta un fondamentale supporto alle misure raccolte con HARPS-N, in quanto permettono di raccogliere informazioni sull'attività stellare e sugli effetti che questa produce sulle velocità radiali sotto forma di rumore. In molti casi, l'attività stellare può infatti produrre segnali periodici nelle velocità radiali che possono essere considerati erroneamente come dovuti a un compagno planetario. APACHE ha già fornito un valido aiuto in passato, per esempio supportando la scoperta di due pianeti attorno alla stella XO-2S annunciata lo scorso anno dal team GAPS.

(B) PROGETTTO ASTEROIDI

Nei mesi di marzo e aprile sono proseguite le osservazioni fotometriche sui Near Earth Asteroid alla ricerca di Large Super-Fast Rotator per completare la survey iniziata a ottobre 2014. Sono state fatte osservazioni sugli asteroidi:


(4401) Aditi
(189008) 1996 FR3
(345646) 2006 TN
(22771) 1999 CU3
(112985) 2002 RS28


Si segnala la pubblicazione, con data 1 marzo 2015, di due importanti articoli di cui il Dott Carbognani, responsabile del Progetto Asteroidi, è coautore:
1) B. Carry et al., The small binary asteroid (939) Isberga”, Icarus, Vol. 248, 1 March 2015, Pag. 516-525. 

2) Tracy M. Becker et al., Physical model of triple near-Earth asteroid (153591) 2001 SN263 from radar and optical light curve observations”, Icarus, Volume 248, 1 March 2015, Pag. 499–515.
Il primo riguarda la caratterizzazione fisica e geometrica dell'asteroide binario (939) Isberga, mentre il secondo riguarda il modello radar-ottico del primo NEA triplo mai scoperto. Quest'ultimo lavoro ha avuto anche risonanza mediatica, con una intervista andata in onda al TGR della Valle d’Aosta dell’11 aprile 2015 (edizione delle 19.30), la pubblicazione di un articolo su "La Stampa" del 15 aprile 2015 nelle pagine della Valle d'Aosta, e l'intervista a Radio Proposta in blu del 20 aprile 2015.
Mercoledì 8 aprile è stata scoperta una nuova stella variabile battezzata provvisoriamente SV20150408 che sembra mostrare una eclissi della durata di circa 1 ora con una profondità di 0.006 mag. La stella, di tipo spettrale K, si trova a circa 2500 anni luce da noi e sono in corso osservazioni di follow-up per stabilire la natura della variabilità.
Infine, tutto il mese di aprile è stato usato per la scrittura della prima bozza dell'articolo "A New Candidate Large Super-Fast Rotator, the Near Earth Object 2014 VQ", da inviare per la pubblicazione a Planetary and Space Science. Dai primi di maggio il lavoro è stato inviato ai coautori per una prima revisione.

(C) PROGETTO CORONA SOLARE


Il progetto è momentaneamente in stand-by.


(D) COLLABORAZIONE CON L’IRAIT (The International Robotic Antarctic Infrared Telescope)


Come di consueto continuano tutti i giovedì alle ore 10:00 LT le riunioni skype tra il team invernale di Dome C (Dr Markus Wildi) ed il Project Manager il Dr Jean Marc Christille. Le attività in base procedono per il meglio. Ci sono stati alcuni problemi relativi a blackout ricorrenti prontamente risolti dal team presente a Dome C.

 

PARTECIPAZIONE AI CONGRESSI

Il Direttore e il ricercatore Jean Marc Christille hanno partecipato al congresso Les Rencontres de Physique de la Vallée d'Aoste tenutosi a La Thuile lunedì 2 con il ricercatore Albino Carbognani e sabato 7 marzo con il ricercatore Andrea Bernagozzi.


Sabato 11 e domenica 12 aprile, il Responsabile del Planetario, Dott. Paolo Pellissier, ha partecipato al Meeting dei Planetari Italiani tenutosi a Torino.


Dal 22 al 24 aprile i ricercatori Mario Damasso e Paolo Giacobbe, che fanno capo all’INAF-OATo ma collaborano al progetto APACHE, hanno partecipato al VI progress meeting del progetto nazionale GAPS, tenutosi a Trieste (vedasi sezione “Eventi scientifici”).

 

UNITA' DI RICERCA ATLAS

Dopo che i Progetti operativi R2DB2 e C4PO sono stati formalmente conclusi in data 28/02/2015, SITH è divenuto l’unico progetto di ricerca in corso dell’UR Atlas.

(C) PROGETTO SITH (Sistema di fusIone daTi/Hardware)


Nei mesi di marzo e aprile è proseguito il lavoro sul Work Package n° 3 con gli obiettivi seguenti:


a) Determinare l’algoritmo ottimale di Information Fusion e quello di Data Modeling considerando le feature estratte dai set di dati e i metadati associati


b) Determinare l’algoritmo ottimale per la registrazione delle informazioni risultanti nel database interno del sistema e l’acquisizione del set di dati successivo


c) Determinare l’algoritmo ottimale di Machine Learning per il training


Per definire gli algoritmi di Information Fusion, Data Modeling, registrazione delle informazioni e machine learning, si è considerato come esempio di applicazione possibile il sistema intelligente di irrigazione automatizzata e on demand di un’area colturale montana, senza escludere eventuali altre ipotesi applicative individuate in corso d’opera. Si è inoltre iniziato a lavorare sul Work Package n° 4, che ha come obiettivo la determinazione delle modalità effettive di funzionamento delle singole parti e dell’intero sistema per verificarne l’aderenza a requisiti e specifiche stabiliti in WP1. Anche qui, per la validazione si usano set di dati correlati all’esempio del sistema intelligente di irrigazione automatizzata e on demand di un’area colturale montana.


Attraverso il partner OAVdA, l’UR è coinvolta nel Progetto ARCA (ARtico: cambiamento Climatico Attuale ed eventi estremi del passato) dell’Istituto per la Dinamica dei Processi Ambientali del CNR, con sede a Venezia all’Università Ca' Foscari. La collaborazione è finalizzata allo sviluppo, calibrazione e test alle isole Svalbard, tra marzo e luglio 2015, di un prototipo che permetterà l’acquisizione di un nuovo tipo di profilo termo-igrometrico del manto nevoso superficiale.


Giovedì 30 aprile si è tenuta la terza visita di monitoraggio per il progetto.


EVENTI DIVULGATIVI


Sabato 7 Marzo Aperitivo con Venere in occasione della festa della donna, serata osservativa a tema. La serata si è svolta dalle ore 18.30 alle 20.30 ed è terminata con l’aperitivo presso l’Osteria Saint-Barthélemy. Prenotazione obbligatoria.


Venerdì 20 marzo Eclisse parziale di Sole. Evento speciale. La Valle d’Aosta è stata in Italia un luogo privilegiato per ammirare questa spettacolare eclisse, con la Luna che copriva quasi tre quarti del Sole. In uno speciale appuntamento mattutino, se le condizioni meteorologiche fossero state favorevoli, si sarebbe potuto osservare il fenomeno, in piena sicurezza e con continuità. Invece essendo stata una mattinata perlopiù nuvolosa, l’eclisse è stata visibile solo per pochi attimi. Durante la mattinata dal planetario ci si è comunque collegati in streaming con i network che hanno seguito l’evento mentre i ricercatori dell’OAVdA hanno commentato il fenomeno in diretta. La mattinata si è conclusa con una conferenza del Dott. Paolo Calcidese, ricercatore all’OAVdA e responsabile del progetto Corona Solare. L’evento si è svolto dalle 9.30 alle 11.30.


Sabato 4 aprile Merende mitiche in Planetario. Evento per i più piccoli, novità 2015! Primo appuntamento con le “Merende mitiche in Planetario”, per tutti i bambini… ma non solo: viaggio virtuale alla scoperta degli oggetti più affascinanti del cielo e favolosa merenda a seguire. L’evento si è svolto dalle 15.00 alle 16.30.


Sabato 11 Aprile Yuri’s Night, serata osservativa a tema per commemorare anche a Saint-Barthélemy l’impresa di Yuri Gagarin, il primo uomo a volare nello spazio il 12 aprile 1961. Dopo una conferenza introduttiva in Planetario, si è saliti in Osservatorio dove si è visitata una mostra sui meteoriti e si sono osservati Venere e le Pleiadi. La serata si è svolta dalle ore 21.00 alle ore 23.00. Prenotazione obbligatoria.


Sabato 25 Aprile ore 10.30 – Invasione digitale. Spettacolo in Planetario con diffusione, durante la visita, di messaggi, fotografie, commenti dei partecipanti attraverso il sito dell’ “invasione” in modo tale che la visita potesse essere effettuata anche virtualmente da casa. Prenotazione obbligatoria.

 

EVENTI DIDATTICI SPECIALI

Giovedì 5 e venerdì 6 marzo Evento didattico speciale “Progetto d'eccellenza” rivolto a 13 studenti meritevoli delle scuole superiori (classe IV) valdostane, dal titolo “Dalla spettroscopia alla fotometria dei pianeti extrasolari”. Si tratta di uno stage da svolgersi presso l’Osservatorio Astronomico organizzato dalla Sovraintendenza agli Studi dell'Assessorato Istruzione e Cultura della Regione Autonoma Valle d'Aosta, con la consulenza della Fondazione per contenuti e logistica. Si prefigge l'obiettivo di approfondire alcuni temi scientifici in due giorni di full immersion, alternando attività teoriche e pratiche. Lo stage si propone di analizzare i principi della spettroscopia, di comprendere le diverse componenti della luce e di utilizzarli in particolare nel campo dei pianeti extrasolari. Lo scopo è di comprendere come lo studio dello spettro delle stelle, quindi dei fattori chimici e fisici che le caratterizzano, permetta di classificarle in base al loro "tipo spettrale", e di riconoscerne età ed evoluzione. Verranno in particolare sviluppati elementi di: 1) fotometria (misura della radiazione dei corpi celesti), per determinare la distanza e la luminosità di una stella e, applicata al metodo del transito, per individuare mini eclissi dovute a corpi orbitanti; 2) Spettroscopia, in quanto l'analisi spettroscopica consente di studiare le caratteristiche fisiche delle stelle (temperatura, densità e composizione chimica), ma anche di determinare la velocità radiale (sfruttando l'effetto Doppler), utile per l'individuazione di pianeti o di alti oggetti orbitanti attorno a queste ultime.

Lunedì 16 e martedì 17 marzo Evento didattico speciale “Progetto d'eccellenza” rivolto a 13 studenti meritevoli delle scuole superiori (classe V) della Valle d’Aosta, dal titolo “Comete e esobiologia”. Si tratta di uno stage da svolgersi presso l’Osservatorio Astronomico organizzato dalla Sovraintendenza agli Studi dell'Assessorato Istruzione e Cultura della Regione Autonoma Valle d'Aosta, con la consulenza della Fondazione per contenuti e logistica. Si prefigge l'obiettivo di approfondire alcuni temi scientifici in due giorni di full immersion, alternando attività teoriche e pratiche. Lo scopo è di analizzare teorie ed ipotesi relative ai processi evolutivi che hanno interessato in passato i pianeti, e valutare la possibilità dell'esistenza di forme di vita extraterrestre. Lo stage si propone di fornire le conoscenze di base sul Sistema Solare e i corpi minori, in particolare sulle comete, che potrebbero avere avuto un ruolo importante per la comparsa della vista sulla Terra. Vedremo come queste conoscenze si inseriscano nel contesto dell'esobiologia e nella sua frontiera più promettente: lo studio delle atmosfere dei pianeti extrasolari. Verranno anche esposte le tecniche usate per studiare i corpi minori e vedremo i risultati finora ottenuti dalla famosa missione Rosetta dell'ESA che tanto ha fatto parlare di sé nell'autunno 2014.


ALTRI EVENTI


Venerdì 13 marzo il ricercatore Andrea Bernagozzi è stato invitato a partecipare a una tavola rotonda sul trasferimento tecnologico, come esperto della materia, nell’ambito della dodicesima edizione della Fiera nazionale "Fa' la cosa giusta", tenutasi a Milano nei padiglioni 2 e 4 di Fieramilanocity. L’invito è giunto dalla società cooperativa ATTA LAB con sede a Collegno (TO), che ha vinto il bando Culturability promosso dalla Fondazione Unipolis. Come vincitori del bando Culturability erano presenti alla fiera e per l'occasione hanno proposto un incontro, aperto ai visitatori della mostra, sui temi dell'educazione all'innovazione e del trasferimento tecnologico.


Dal 23 al 26 marzo il Direttore e il ricercatore Andrea Bernagozzi si sono recati in Germania a Garching per incontrare il Dott. Lars Lindberg Christensen, Responsabile della Didattica e della Divulgazione di ESO (European Southern Observatory), la principale organizzazione intergovernativa di astronomia in Europa e l’ente di ricerca più produttivo al mondo in campo astronomico. Il motivo dell’incontro riguardava principalmente l’organizzazione della terza edizione dell’ESO Astronomy Camp, ma anche lo sviluppo di nuove collaborazioni. Per il Dott. Bernagozzi questo è stata la terza visita alla sede dell’ESO in meno di un anno, infatti il 4 novembre 2014 era stato invitato a partecipare a spese di ESO al workshop "Tools, best practices and methodologies for Technology Transfer" riguardante il trasferimento tecnologico. Inoltre nei mesi di luglio e agosto aveva compiuto uno stage di formazione nel campo del trasferimento tecnologico in qualità di Visiting Researcher sotto al supervisione del dott. Lars Lindberg Christensen. Lo stage era finalizzato all’acquisizione di conoscenze, competenze, abilità e contatti utili per la valorizzazione dell’attività dell’UR Atlas nei contesti scientifici di riferimento.
Siamo abituati a pensare all'Osservatorio Astronomico a Saint-Barthélemy come un laboratorio scientifico. Domenica 12 aprile è stato per un giorno anche la sede di un laboratorio cinematografico. L'iniziativa OLTRECONFINE, organizzata in collaborazione con la Film Commission Vallée d’Aoste, consiste infatti in un laboratorio di cinema del reale "dove esplorare l’idea di confini attraverso la scrittura e realizzazione di una serie di film corti, film essai, prove di cinema”. Annalisa, Gloria Aura, Elvio, Leandro, Gianluca, Daniele e il regista Giovanni Cioni, responsabile del laboratorio, hanno visitato la struttura e ripreso audio, video e fotografie che poi studieranno e monteranno in un secondo tempo. La ricerca astronomica e le arti visuali sono meno distanti di quanti si pensi: che si indaghino la natura degli astri o quella dell'animo umano, in entrambi i casi si lavora con la luce. Attendiamo con ansia di vedere i risultati del laboratorio: siamo certi che la visione ci sorprenderà e ci permetterà di apprezzare l'Osservatorio Astronomico con occhi nuovi. Ringraziamo Andrea Carcavallo e la Film Commission Vallée d'Aoste per la proposta e il lavoro svolto per realizzarla.
Giovedì 23 aprile il ricercatore Andrea Bernagozzi ha partecipato alla tavola rotonda "La normativa e gli strumenti finanziari a supporto delle start-up e delle imprese innovative" che si è tenuta alla Pépinière d’entreprises di Aosta.

 

PERSONALITA' IN VISITA

Martedì 31 marzo al pomeriggio è stata in visita all’Osservatorio astronomico e al Planetario di Lignan una delegazione di Consiglieri regionali, composta da Vincenzo Grosjean, Jean Pierre Guichardaz, Patrizia Morelli, Fabrizio Roscio e Nello Fabbri. I Consiglieri sono stati accolti dal Consiglio di Amministrazione della Fondazione, da tutto lo staff e dal Direttore che ha fatto loro una presentazione della Fondazione Fillietroz e del lavoro svolto dall’Osservatorio astronomico dalla data di apertura (luglio 2003) in poi. I Consiglieri sono poi stati guidati ad una visita al Planetario e alle terrazze osservative, dove i ricercatori hanno illustrato il loro lavoro di ricerca scientifica.


Venerdì 3 aprile
sono venuti in visita all’Osservatorio astronomico e al Planetario di Lignan l’Assessore Reg.le Turismo, Sport, Commercio e Trasporti, Dott. Aurelio Marguerettaz e la Sig.ra Marilena Besenval, addetta alle Pubbliche Relazioni per lo stesso Assessorato.

 

EVENTI ISTITUZIONALI

Lunedì 13 aprile si è svolta la prima riunione per il 2015 del Consiglio di Amministrazione della Fondazione Clément Fillietroz-Onlus


Venerdì 17 aprile si è svolta la prima riunione per il 2015 del Comitato Scientifico della Fondazione Clément Fillietroz-Onlus

 

italiano français english :: home :: mail . info@oavda.it