:: news letter .. Novembre-dicembre 2013

EVENTI SCIENTIFICI


PROGETTO ASTEROIDI

Interventi al Telescopio Principale . Verso la metà di novembre il Telescopio Principale dell'OAVdA è tornato operativo dopo l'intervento di alluminatura e quarzatura degli specchi finanziato con lo Shoemaker NEO Grant della Planetary Society ( clicca qui  per accedere alla pagina ufficiale The 2013 Shoemaker NEO Grant Recipients). A fine dicembre è arrivato anche il riduttore di focale, costruito ad hoc e finanziato dallo stesso Grant, che verrà installato sul telescopio nei primi mesi del 2014.

Nei mesi di novembre e dicembre 2013 sono state fatte osservazioni astrometriche del NEA 2013 TV135 nell'ambito della collaborazione Gaia-FUN-SSO (Gaia Follow Up Network for Solar System Objects), coordinata dall'Osservatorio di Parigi. La rete Gaia-FUN-SSO sta per entrare nella fase operativa, infatti il 19 dicembre è stata lanciata nello spazio, dalla base di Kourou nella Guiana francese, la missione Gaia dell'ESA. Il satellite è arrivato correttamente nel punto Lagrangiano L2 del sistema Sole-Terra. Dopo la fase di calibrazione degli strumenti, che durerà alcuni mesi, Gaia entrerà nella fase operativa. Durante il periodo sono state anche fatte osservazioni astrometriche dei NEA appena scoperti in collaborazione con il Minor Planet Center

Sono riprese anche le osservazioni fotometriche degli asteroidi. In particolare la notte del 9 dicembre è stato osservato il NEA 2013 XY8, un oggetto di circa 50 m di diametro che è risultato avere un periodo di soli 3,6 minuti! Questo dato indica che si tratta di un oggetto monolitico. I dati astrometrici e fotometrici ottenuti all'OAVdA su questo asteroide sono stati immediatamente impiegati dal team del radar di Goldstone guidato da Jon Giorgini (JPL), per l'osservazione radar di questo oggetto, risultato molto allungato. L'asteroide era stato appena scoperto il 7 dicembre 2013 dai telescopi della Catalina Sky Survey (Università dell'Arizona), solo 5 giorni prima del passaggio alla minima distanza dalla Terra, a 760.000 km, avvenuto l'11 dicembre 2013. Altri asteroidi di cui è stata ottenuta la curva di luce sono 1678 Hveen, 3744 Horn-d'Arturo e 2007 SJ.

 

PROGETTO PIANETI EXTRASOLARI

Presentazione lavoro di Dottorato . Il 29 novembre il dott. Mario Damasso è stato a Padova per presentare in 30 minuti il lavoro svolto davanti a una Commissione che giudicherà la sua ammissione all'esame finale. Il suo contro-relatore esterno (A. Collier-Cameron, University of St. Andrews, Scozia) ha fatto pervenire una lettera in cui ha espresso un giudizio favorevole sul lavoro del dottorando (piano della tesi, risultati).

UNITA' DI RICERCA Atlas


SITH: nuovo progetto operativo . Il 1° novembre è stato avviato il progetto operativo SITH, presentato dall'Unità di ricerca Atlas per la 3a scadenza del “Bando per la creazione e sviluppo di Unità di ricerca” promosso dalla Regione Autonoma Valle d'Aosta su fondi FESR e FSE. Il progetto, il terzo in cui sono impegnati i ricercatori di Atlas, è volto allo sviluppo di soluzioni tecnologiche di Information Fusion per raccogliere, processare, condividere e rendere interoperabili dati da fonti eterogenee e diversi per natura fisica e qualità scientifiche. Per questo progetto i referenti regionali hanno assegnato al ricercatore dott. Jean Marc Christille, dottorando dell'Università degli Studi di Perugia in Osservatorio Astronomico, una borsa di ricerca FSE.

Riunione plenaria . Il 4 novembre si è svolta la riunione plenaria n. 5 dell'Unità di ricerca Atlas (Fase C) presso la sede del partner industriale della Fondazione, la Novasis Innovazione Srl, a Pont St. Martin. La riunione è stata dedicata principalmente agli aggiornamenti di carattere tecnico-scientifico sui lavori in corso per WP2, cioè il secondo pacchetto di lavoro (Work Package), di ciascuno dei due progetti di trasferimento tecnologico R2DB2 e C4PO. Al pomeriggio si sono tenuti il terzo e quarto seminario dedicati alla formazione per il personale di ricerca dell'intera Unità: il prof. Enzo Bertolini, direttore della Fondazione e Responsabile scientifico dell'Unità di ricerca, ha tenuto l'intervento “L'energia del Sole per l'Uomo E = mc 2 . Un esempio di ricerca di base”, centrato sulla sua esperienza nel campo della fusione nucleare, mentre la dott.ssa Luana Rodda, responsabile dei progetti finanziati per Novasis Innovazione, ha tenuto l'intervento “Europrogettazione”, dedicato al passaggio dal settimo all'ottavo Programma quadro per la ricerca e l'innovazione della Commissione europea. Questi seminari periodici si integrano con le attività di formazione specifiche rivolte ai giovani ricercatori dell'Unità di ricerca.

Incontro del Gruppo di gestione . In data 11 dicembre si è tenuto un incontro del Gruppo di gestione dell'Unità di ricerca Atlas. Il Responsabile scientifico, prof. Enzo Bertolini, il Technical Evaluator, dott. Alessandro Farano, i team leader delle due Unità operative, dott. Davide Capello per Novasis Innovazione e dott. Andrea Bernagozzi (assegnatario di una borsa di ricerca FSE) per l'Osservatorio Astronomico, hanno fatto il punto sulla situazione dei lavori per il WP2 di R2DB2 e C4PO e il WP1 del nuovo progetto, SITH. L'incontro è avvenuto in remoto, avvalendosi dei moderni strumenti di teleconferenza via web. La valutazione sullo stato di avanzamento dei lavori è stata positiva. Si è trattato dell'ultimo incontro per Atlas prima della fine dell'anno.

 

PARTECIPAZIONE AI CONGRESSI

18-20 novembre 2013: partecipazione al convegno RSA COSMOS . Il nostro collega Paolo Pellissier ha preso parte al convegno Prémières Rencontres des Utilisateurs Sky Explorer organizzato da RSA Cosmos a Saint Etienne in Francia.

Durante l'incontro sono stati presentati i lavori di nove dei Planetari presenti sul territorio europeo e, per rendere più interessante questa sessione, una commissione di esperti ha deciso di valutarli in base all'utilizzo tecnico, all'originalità e per la validità didattica.

Il convegno ha ospitato anche un dibattito sulla didattica e divulgazione dell'astronomia con il Planetario e sull'interazione con il pubblico, e due momenti di formazione sulle novità nell'ambito della programmazione informatica.

I riconoscimenti sono andati a: La Villette di Parigi per la tecnica, Brno in Repubblica Ceca per l'originalità e al nostro Planetario di Lignan per la didattica. Complimenti!

NUOVE PUBBLICAZIONI

MPEC del progetto asteroidi (Confirmation of new NEA, comets)

MPEC 2013-W24 : 2013 WY

MPEC 2013-X34 : 2013 XA4

MPEC 2013-X55 : 2013 XG17

 

 

EVENTI ISTITUZIONALI

6 novembre – visita al CERN . I componenti dell'Osservatorio e del Planetario, che si sono recati in visita al prestigioso centro, hanno potuto vedere da vicino l'installazione dell'esperimento ATLAS, scendendo nel tunnel dell'LHC in cui è ubicato l'enorme apparato, e avere le ultime notizie rispetto ai prossimi sviluppi del progetto.

Successivamente i partecipanti hanno potuto conoscere più da vicino l'esperimento AMS (Alpha Magnetic Spectrometer), a bordo della Stazione Spaziale Internazionale, che ha il compito di misurare i raggi cosmici provenienti dallo spazio.

Oltre alla visita al CERN, sono state effettuate le seguenti missioni tecnologiche:

•  07/11/2013: Missione tecnologica al Parco Scientifico Tecnologico Kilometro Rosso di Bergamo , partecipanti Enzo Bertolini, Andrea Bernagozzi, Jean Marc Christille, Roberto Domolo
•  18/11/2013: Rigenergia 2013-Strumenti e opportunità di finanziamento offerti dalla nuova programmazione comunitaria , Pépinière d'Entreprises-Espace Aosta, partecipanti Enzo Bertolini, Andrea Bernagozzi

 

EVENTI DIVULGATIVI


14 novembre: CONFERENZA DI STAGIONE - Autunno 2013 – Il cielo può caderci sulla testa? Relatore dott. Albino Carbognani. La conferenza, che ha visto l'indirizzo di saluto del Presidente della Fondazione, dott. Roberto Crétier, è stata introdotta dall'Assessore regionale all'Istruzione e Cultura, dott. Joël Farcoz, e moderata dal Direttore della Fondazione, prof. Enzo Bertolini.

Nella conferenza, a cui hanno partecipato circa sessanta persone, si è parlato dei NEO (Near Earth Objects), asteroidi e comete con orbite prossime a quella della Terra, e del loro rischio impatto per il nostro pianeta. Carboganni ha approfondito le possibili conseguenze di una caduta (unitamente alle ipotesi operative sui possibili mezzi per evitare la catastrofe) e i futuri progetti di sfruttamento minerario. Carbognani ha anche spiegato come lo Shoemaker NEO Grant 2013, che ha vinto, permetterà di apportare significativi miglioramenti al Telescopio Principale da 81 cm dell'OAVdA, grazie ai quali il nostro istituto potrà dare un contributo ancora maggiore allo studio degli asteroidi potenzialmente pericolosi.

Ringraziamo la Biblioteca Regionale di Aosta per la preziosa collaborazione.

16 e 17 novembre 2013: L'ALBA DELLE COMETE. Due mattine speciali dedicate all'osservazione delle comete ISON e Lovejoy e dei pianeti Marte e Giove, con ingresso alle 4:30.

La prima delle due mattinate di osservazione è stata annullata per previsto maltempo. La seconda mattinata (domenica 17) abbiamo invece registrato l'afflusso di 80 persone, che hanno partecipato nonostante le condizioni del tempo non abbiano di nuovo permesso l'osservazione. In sostituzione della sessione osservativa il dott. Carbognani ha tenuto una conferenza sul tema dei corpi minori.

6 e 7 dicembre 2013: Ciclo APERITIVI SOTTO IL CIELO STELLATO - UNA SERA CON… LA LUNA E VENERE. Nella prima parte del mese di dicembre Venere si è trovato in condizioni favorevoli per essere osservato dalla Terra, ben visibile dopo il tramonto del Sole. Approfittando della presenza in cielo anche di uno spicchio di Luna crescente, l'Osservatorio Astronomico ha inaugurato il ciclo “Aperitivi sotto il cielo stellato” con l'evento “Una sera con… la Luna e Venere”, in cui si sono osservati i due corpi celesti sia a occhio nudo sia al telescopio nella magica luce del crepuscolo serale. L'evento ha riscosso una notevole partecipazione.

 

EVENTI DIDATTICI SPECIALI

5 novembre: apertura della Mostra "La mia casa è il cielo" . In data 5 novembre è stata inaugurata alla Biblioteca Regionale di Aosta la mostra “La mia casa è il cielo”, in cui sono state esposte le opere realizzate lo scorso anno scolastico nell'ambito del progetto didattico “Saint-Roch Étoiles” dagli alunni del terzo anno della Scuola dell'infanzia di Antica Vetreria di Aosta, con la guida della maestra Silvana Pane. La mostra, chiusa 31 gennaio 2014, ha visto la partecipazione dell'astronauta italiano dell'Agenzia spaziale europea Paolo Nespoli, che il 30 novembre ha presentato nella Sala conferenze della Biblioteca Regionale un resoconto sulla sua esperienza a bordo della Stazione spaziale internazionale dal titolo “Sei mesi da extraterrestre”. La conferenza è stata introdotta dalla dott.ssa Giovanna Sampietro, Sovraintendente agli Studi della Regione, e dal prof. Enzo Bertolini, direttore della Fondazione; moderatrice dell'evento è stata la prof.ssa Patrizia Dondeynaz, docente dell'Istituzione Scolastica “Saint-Roch” di Aosta, ideatrice responsabile degli aspetti di carattere pedagogico e organizzativo del progetto didattico “Saint-Roch Étoiles”, con la collaborazione e la consulenza per i contenuti scientifici del dott. Andrea Bernagozzi, ricercatore all'Osservatorio Astronomico.

26-31 dicembre: ESO CAMP. Si è tenuto a Lignan l'ESO CAMP, co-organizzato da ESO, Sterrenlab e dall'Osservatorio Astronomico. Il campo residenziale è stato frequentato da 56 ragazzi di età compresa tra i 15 e i 18 anni provenienti da 19 nazioni nel mondo, tra cui il Brasile, la Russia, l'Iran e la Turchia.

La location di Lignan come sede dell'ESO CAMP è stata scelta, in concorrenza a livello europeo, tra molti altri siti.

Tema dell'ESO CAMP l'astronomia "a colori", ovvero la radiazione emessa dai corpi celesti, sia entro che al di fuori del visibile, e le informazioni che essa trasporta sulla natura fisica di tali corpi.

Nel corso del campo, la cui lingua ufficiale era l'inglese, i ragazzi hanno assistito a lezioni di astronomia, fatto osservazioni del cielo a occhio nudo e al telescopio, ripreso e analizzato spettri stellari, misurato la riposta di un'antenna per radioastronomia, e molto altro. Tutto questo, sotto la guida dei ricercatori dell'Osservatorio e di astronomi appositamente venuti dalle Università di Milano e di Valencia. Non sono mancati i momenti ludici, con escursioni con gli sci di fondo e con le ciaspole, e molto divertimento allo snow park. Alla fine, i ragazzi si sono salutati per tornare ai loro paesi d'origine, portando con sé un magnifico ricordo della Valle d'Aosta, dei suoi paesaggi e del suo cielo!

 

PERSONALITA' IN VISITA


11 novembre: visita del prof. Harry Dwyer. Il prof. Dwyer, della University of California Davis, si è recato in visita presso l'Osservatorio astronomico, che ha visitato accompagnato dai ricercatori. Dwyer è un esperto nel campo della fluidodinamica e della termodinamica e, oltre che dedicarsi all'insegnamento, ha lavorato per la NASA (Space Shuttle), per la Mercedes e per altri istituti tecnici e scientifici. Ha tenuto un seminario scientifico dal titolo Regeneration of Diesel Particulate Filters (DPF) .

 

ALTRI EVENTI

5 novembre: Marta Burgay a “Che tempo che fa” . La ricercatrice valdostana è stata ospite della trasmissione condotta da Fabio Fazio, che nella prima parte del programma intervista degli ospiti sulle loro passioni. Durante la trasmissione, che ha ottenuto 1 ? 863 ? 000 spettatori (7,39 dello share), la dott.ssa Burgay, membro del Comitato Scientifico della Fondazione Fillietroz-ONLUS e ricercatrice presso l'Osservatorio Astronomico di Cagliari (INAF-OAC), ha potuto illustrare la sua scoperta della pulsar doppia effettuata nel 2003 presso il radiotelescopio di Parkes, in Australia, in collaborazione con il prof. Nichi d'Amico e il dott. Andrea Possenti (attuale direttore dell'INAF-OAC).

 


 

 

 

 

 

 



data pubblicazione newsletter 28/03/2014

italiano français english :: home :: mail . info@oavda.it