:: news letter .. settembre-ottobre 2011

CHIUSURA PER LAVORI

Da giovedì 6 ottobre fino al 2 dicembre 2011, l'Osservatorio Astronomico della Regione Autonoma Valle d'Aosta è stato chiuso alle visite per lavori di manutenzione straordinaria alle terrazze di osservazione.

Per questa ragione durante il periodo di chiusura non si sono svolte osservazioni diurne e notturne, mentre è stato possibile prenotare conferenze e laboratori didattici in sala conferenze.

Al contrario, il Planetario di Lignan ha proseguito le sue attività regolarmente.

 

 

EVENTI DIVULGATIVI

Venerdì 9 settembre alle ore 21,00 c/o Biblioteca Regionale - Conferenza pubblica

Titolo: "son dunque soli innumerevoli e terre...". Come trovare un pianeta abitabile.

Relatore: Dott. Mario Damasso, ricercatore con borsa FSE presso l'OAVdA.

L'evento è stato organizzato nell'ambito dell'iniziativa "Settembre Scienza", ciclo di conferenze organizzate dall'Assessorato dell'Istruzione della Valle d'Aosta dal 2 al 23 settembre nella sala conferenze della Biblioteca regionale di Aosta.

Clicca qui per scaricare l'abstract

Clicca qui per scaricare l'annuncio della conferenza dal sito della Regione Autonoma Valle d'Aosta

 

23-24-25 settembre 20° Star Party di Saint-Barthélemy

Clicca qui per scaricare il resoconto dell'evento.

 

Giovedì 20 ottobre alle ore 21,00 c/o Biblioteca Regionale - Conferenza d'autunno

Titolo "L'ASTROFISICA DELLE ALTE ENERGIE E L'ITALIA. Buchi neri, nuclei galattici attivi, Gamma ray burst: nuovi occhi per cieli diversi"

Relatore: Prof. Guido Di Cocco

Direttore del Dipartimento Strutture di Ricerca

dell'Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF).

La conferenza è stata replicata il giorno successivo per gli studenti del Liceo Scientifico E. Bérard di Aosta.

Clicca qui per scaricare il comunicato stampa (PDF 360 KB).

 

 

EVENTI DIDATTICI SPECIALI

5-14 settembre 2011, IESO 2011

International Earth Science Olympiad, Modena (Italy) – 5-14 September 2011

La Fondazione Clément Fillietroz è stata coinvolta nell'organizzazione delle IESO 2011.

Si tratta di un manifestazione di didattica di alto livello promossa dalla International Geoscience Education Organization, che si svolge a cadenza annuale ed è rivolta agli studenti delle ultime classi della scuola secondaria di 2° grado, allo scopo di promuovere tra i giovani le Scienze della Terra: geologia, geofisica, metereologia, oceanografia, astronomia e scienze ambientali.

IESO 2011 è stata la quinta edizione della manifestazione, la prima a svolgersi fuori dall'Asia.

La Regione Autonoma Valle d'Aosta ha collaborato all'organizzazione di IESO 2011 ed ha ottenuto che le prestigiose prove sul campo dei team internazionali, fiore all'occhiello di IESO, si svolgessero interamente in territorio valdostano.

La Sovraintendenza agli Studi regionale ha chiesto ed ottenuto la collaborazione della Fondazione Fillietroz per organizzare una prova sul campo a Saint-Barthélemy, coinvolgendo Osservatorio Astronomico e Planetario. Contestualmente ha segnalato il dott. Andrea Bernagozzi, ricercatore all'OAVdA e coordinatore per le attività di didattica e divulgazione della Fondazione, al Comitato organizzatore di IESO 2011, che lo ha invitato a far parte del Comitato scientifico nazionale di IESO 2011 per l'area tematica di astronomia.

Le prove a Saint-Barthélemy si sono svolte sabato 10 settembre. Sono state accolte circa 40 persone, studenti e loro accompagnatori, docenti ed esperti di oltre 30 paesi di tutto il mondo.

Clicca qui per visionare il programma delle attività svolte presso la Fondazione C. Fillietroz (PDF 67 KB)

http://www.ieso2011.unimore.it/?page_id=70

 

 

EVENTI COLLATERALI

15 ottobre - 2 novembre 2011

Il 15 ottobre è stata inaugurata la nuova edizione della mostra fotografica dal titolo “La magia della Luce” di Maria Assunta Pioli, organizzata dall'Associazione Itinerante “Illumina la vita, spegni l'incoscienza” e il Comitato Locale della Croce Rossa di Orvieto, presso la Chiesa di San Giacomo Maggiore - Aula Magna Centro Studi “Città di Orvieto”. Erano presenti all'inaugurazione Sua Eccellenza Reverendissima Mons. Giovanni Marra, Amministratore Apostolico della Diocesi di Orvieto – Todi ed altre personalità civili, militari e religiose.

La stessa mostra, inaugurata il 30 maggio 2011 nella Cripta della Chiesa di Santa Caterina da Siena a Magnanapoli in Roma, era stata visitata da oltre seimila persone.
Come nella precedente edizione, anche ad Orvieto sono state esposte alcune fotografie di carattere astronomico realizzate dal dott. Paolo Calcidese della Fondazione Fillietroz, oltre ad alcune immagini dei corpi del Sistema Solare tratte dai siti internet della Nada e dell'ESA e stampate dall'autrice della mostra.
la dott.ssa Pioli, fotografa per passione, da vent'anni realizza mostre fotografiche in varie città italiane, con l'obiettivo di raccogliere offerte per opere caritatevoli.
La mostra è stata aperta dal lunedì al giovedì dalle ore 09.00 alle ore 16.00. Ingresso gratuito.

 

 

PERSONALITA' IN VISITA

Il giorno 14 ottobre è stato in visita all'Osservatorio il Prof. Michele Vellano, Preside della Facoltà di Scienze Politiche dell'Università della Valle d'Aosta e Professore ordinario di Diritto. L'incontro è stato l'occasione per parlare di possibili future collaborazioni tra la Fondazione C. Fillietroz e l'Università della Valle d'Aosta.

 

Il 19 ottobre si è recata a Saint-Barthélemy una delegazione spagnola proveniente da Arcos de las Salinas (Teruel), dove sorge l'Osservatorio astronomico di Javalambre (OAJ). La struttura, situata a 1957 m s.l.m. è attrezzata con  un telescopio  da 2500 mm e un telescopio da 800 mm ed è dedicata alla ricerca scientifica ed in particolare allo studio della materia oscura. Prossimamente inizieranno i lavori per realizzare un nuovo centro (Progetto Galactica) dedicato alla divulgazione e alla didattica. Questa struttura sorgerà a 1100 m s.l.m. ed offrirà al pubblico la possibilità di fare osservazioni del cielo (vi saranno installati un telescopio da 400 mm di diametro e vari telescopi più piccoli), conferenze e laboratori. La delegazione spagnola, vista la somiglianza del nostro sito con quello che sta per essere costruito, e che come quello spagnolo, sorge in una località di montagna, meta di turismo estivo ed invernale, ha voluto visitare le strutture della Fondazione dove la didattica e la divulgazione sono strettamente legale all'attività di ricerca scientifica.

Clicca qui per vedere la presentazione al Governo dell'Aragona del progetto GALÁCTICA

http://www.cefda.es

 

I giorni 20 e 21 ottobre ha visitato le strutture dell'Osservatorio e del Planetario il Prof. Guido Di Cocco, Direttore del Dipartimento Strutture di Ricerca dell'Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF), l'ente con cui la Fondazione C. Fillietroz ha stipulato un accordo di collaborazione fin dal 2006. In occasione di questa graditissima visita, al Professore sono stati presentati in dettaglio i progetti di ricerca dell'OAVdA e le attività di divulgazione e didattica.

 

 

EVENTI SCIENTIFICI

Dal mese di ottobre, in OAVdA il Dott. Albino Carbognani ha iniziato osservazioni fotometriche per la completa caratterizzazione dell'asteroide binario (939) Isberga. La binarietà di questo sistema è nota dal 2006 ma i principali parametri, importantissimi perché permettono di stimare la densità media dell'asteroide primario, sono ancora molto incerti. Le osservazioni fotometriche di Isberga, che hanno portato alla scoperta di eventi mutui fra i due corpi del sistema, sono condotte in collaborazione con il Dott. P. Tanga e il Dott. M. Delbò dell'Osservatorio Astronomico della Costa Azzurra (OCA). I risultati ottenuti all'OAVdA saranno utilizzati anche a supporto di osservazioni interferometriche del sistema binario fatte al VLT (Very Large Telescope) dell'ESO (European Southern Observatory) posto sul Cerro Paranal nel deserto dell'Atacama, nel nord del Cile. Le osservazioni di Isberga si inseriscono nel più ampio programma di osservazione di asteroidi binari scarsamente conosciuti portato avanti dall'OAVdA.


Nel mese di settembre la rivista scientifica internazionale "Planetary and Space Science" ha sostanzialmente accettato per la pubblicazione l'articolo di A. Carbognani, P. Tanga, A. Cellino, M. Delbo, S. Mottola, E. Marchese, "The representation of asteroid shapes: a test for the inversion of Gaia photometry", riguardante la simulazione dei risultati sugli asteroidi che saranno ottenuti dalla missione spaziale Gaia dell'ESA (European Space Agency) che sarà lanciata nella primavera del 2013. L'articolo è stato leggermente modificato seguendo le indicazioni dei referee esperti del settore e rispedito alla rivista alla fine di ottobre per l'accettazione definitiva.

 

Dalla fine del 2010, il Planetario di Lignan costituisce il nodo principale per quanto riguarda l'Italia per il progetto "Public Understanding of Astronomy" (PUA), un progetto di ricerca pluridisciplinare ed internazionale sulla comunicazione della scienza promosso dall' Institute of Advanced Studies Strömstad Academy di Svezia. Il progetto mira a valutare l'impatto delle visite al Planetario sul pubblico generico mediante test a scelta multipla. Referente per questo progetto è il dott. Paolo Pellissier, Responsabile del Planetario.

 

Un secondo progetto, denominato di comunicazione della scienza, denominato New Media, è stato attivato nel 2011. Questo progetto mira ad utilizzare alcuni strumenti molto conosciuti dagli utenti del Web (es. blog, social network) per promuovere la ricerca scientifica, comunicando gli sviluppi e i risultati dei progegtti di ricerca scientifica in Astronomia e in Astrofisica  attivati in OAVdA, a partire dal progetto di ricerca sui Pianeti Extrasolari. Referente per questo progetto di comunicazione della scienza è il ricercatore con Borsa FSE dott. Matteo Soldi, iscritto al Master in Comunicazione della scienza della Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati (SISSA) di Trieste.


 

EVENTI ISTITUZIONALI

• 21/22 ottobre 2011 - Seconda riunione per il 2011 del Comitato Scientifico della Fondazione Clément Fillietroz.

 

data pubblicazione newsletter 8/11/2011

italiano français english :: home :: mail . info@oavda.it